Il Blog di PC-Crash.it

Benvenuto nel nostro blog specialistico dedicato alla ricostruzione degli incidenti stradali e all'analisi forense in generale.

Telai più sicuri e leggeri grazie allo stampaggio a freddo

Telai più sicuri e leggeri grazie allo stampaggio a freddo

​La casa automobilistica Mazda, grazie ai recenti sviluppi ottenuti nello stampaggio a freddo di lamierati in acciaio, è riuscita ad incrementare notevolmente le caratteristiche meccaniche dei propri telai, dunque, le prestazioni dei propri veicoli in termini di sicurezza, riduzione dei consumi e delle emissioni.

Per il progetto della nuova Mazda 3, la casa giapponese si è affidata alla collaborazione con Nippon Steel & Sumitomo Metal Corporation e JFE Steel Corporation, al fine di riuscire ad incrementare la resistenza meccanica dei propri lamierati in acciaio ottenuti con la tecnica dello stampaggio a freddo.

Le ricerche condotte hanno portato ad ottenere acciai con notevolissime caratteristiche meccaniche, in grado di sopportare tensioni massime di 1310 MPa (contro i 1180 MPa ottenibili in precedenza, a causa della notevole riduzione di duttilità indotta nel materiale, nonchè per la difficoltà di ottenere tagli precisi delle lamiere).

Nello specifico, la nuova Mazda 3, impiegando lamierati ottenuti con tale tecnologia in zone specifiche del telaio (montanti anteriori, longheroni al tetto, rinforzi delle cerniere sui montanti, seconda traversa, rinforzi interni delle soglie), è riuscita ad ottenere al contempo un'aumento della sicurezza passiva a bordo ed una riduzione della massa totale pari a 3 Kg (con conseguenti benefici in termini di riduzione dei consumi e delle emissioni).

Di seguito è indicato il Link dell'articolo, riportato sul sito di Automobilismo.

Catania: Tre corsi sulla ricostruzione di casi rea...
Gli incidenti stradali come maxi-emergenza metropo...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Sei già un Utente? Clicca qui per accedere
Ospite
Venerdì, 24 Maggio 2019

Cerca nel blog

Più Letti