Il Blog di PC-Crash.it

Benvenuto nel nostro blog specialistico dedicato alla ricostruzione degli incidenti stradali e all'analisi forense in generale.

Analisi dell'incendio di un'autoveicolo: confronto tra vetture tradizionali ed elettriche

Analisi dell'incendio di un'autoveicolo: confronto tra vetture tradizionali ed elettriche
Poiché i sistemi di accumulo dell'energia rappresentano le nuove tecnologie chiave nello sviluppo dei veicoli elettrici (EV), i rischi che ne derivano devono essere esaminati attentamente, Pertanto, al fine di valutare attentamente tali rischi connessi alla mobilità elettrica, un gruppo di ricercatori francesi ha realizzato dei test sperimentali al fine di analizzare le conseguenze di un'incendio su un veicolo tradizionale ed uno con motorizzazione elettrica. In particolare, mentre gli andamenti dell'HHR (heat release rate - velocità di rilascio del calore) hanno mostrato differenze piuttosto lievi, sono state riscontrate sensibili quantità di HF rilasciate dalla combustione di veicoli EV, dotate di pacchi batterie agli ioni di litio.
I pacchi batterie agli ioni di litio (Li-ion), presenti nei veicoli EV, contengono materiali attivi altamente energetici ed elettroliti organici infiammabili, i quali evidenziano problematiche di sicurezza molto diverse rispetto alle vetture convenzionali. Infatti, in caso di incendio di veicoli elettrici, permangono preoccupazioni sul comportamento al fuoco delle batterie, sul loro impatto sulla crescita del fuoco, sulla loro potenziale tossicità indotta dal fuoco, specialmente in spazi confinati e parcheggi sotterranei e sulla loro reazione con l'acqua in caso di intervento dei vigili del fuoco.

Pertanto, al fine di valutare tali aspetti, un team di ricercatori francesi ha condotto dei test antincendio su due unità batteria, su un pacco batteria pieno, su un veicolo elettrico e su un analogo veicolo con motore a combustione interna (ICE).

Dopo lo svolgimento di test preliminari su singole unità batteria ed un pacco batteria completo, sono stati eseguiti due test su veicoli completi  all'interno di una galleria di prova opportunamente attrezzata. In particolare, per quanto riguarda questi due ultimi test, l'incendio è stato innescato da un bruciatore a gas da circa 6 kW, mentre la vettura è stata investita da una portata d'aria di circa 25000 mc/h, fatta successivamente fuoriuscire attraverso una torre di estrazione posizionata a valle.

Dai test eseguiti, sono stati quantificati i parametri di pericolo termico e tossico che regolano il rischio di incendio. A tale scopo, sono state determinate la velocità di rilascio del calore ed il calore complessivamente rilasciato dalla combustione e sono stati misurati i principali gas emessi che governano la tossicità degli effluenti del fuoco.

In particolare, è emerso che il comportamento generale dei veicoli EV e tradizionali esposti allo stesso stress termico esterno era simile: la massima velocità di rilascio del calore (HRR) ed il calore dissipato complessivamente dalla combustione è risultato pressoché analogo per entrambi i tipi di veicoli. Dall'analisi dei prodotti di combustione gassosi, anche le masse cumulative di CO2, CO, idrocarburi totali, NO, NO2, HCl e HCN sono risultate simili per entrambi i tipi di veicoli. Tuttavia, è stata misurata una quantità significativa di HF (acido fluoridrico) durante le prove di incendio di veicoli EV, dovuta alla combustione del pacco batterie agli ioni di litio di cui queste sono dotate.


Di seguito è riportato il link dell'articolo completo, pubblicato sul sito di antincendio-italia.it.
Gli eventi di dicembre 2020: tecnologie, software ...
Analisi dei quadri strumenti motociclistici nella ...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Sei già un Utente? Clicca qui per accedere
Ospite
Sabato, 10 Aprile 2021

Cerca nel blog

Di tutto un po'

Più Letti