Il Blog di PC-Crash.it

Benvenuto nel nostro blog specialistico dedicato alla ricostruzione degli incidenti stradali e all'analisi forense in generale.

Event Data Recorder (EDR) per la guida automatica

EDR per la guida automatica

La guida automatica rappresenta una grande sfida per il settore automobilistico, e moltissime risorse economiche vengono devolute per raggiungere questo traguardo. Ma cosa comporteranno i sistemi di guida automatica dal punto di vista della responsabilità nel caso di incidente?

​Sarà il veicolo stesso a dare le risposte necessarie!

Come ormai noto, all'interno delle centraline degli airbag di quasi tutti i veicoli commerciali sono installati dei dispositivi, chiamati Event Data Recorder (EDR, in grado di registrare informazioni sullo stato del veicolo in caso di collisione.

Oltre ai dati relativi alla severità e alla tipologia dell'impatto, gli EDR registrano importanti informazioni sul comportamento dei conducenti, quali velocità di guida, azioni di sterzo, frenata e/o accelerazione e molto altro.

E saranno proprio gli EDR a giocare un ruolo fondamentale per l'analisi dei sinistri che coinvolgeranno i futuri veicoli, equipaggiati con sistema di guida autonoma. In particolare questi EDR evoluti (EDR/AD) ci aiuteranno a rispondere ai seguenti quesiti, che saranno sicuramente fondamentali:

  • Il sinistro è avvenuto mentre il veicolo operava in autonomia o era il conducente in comando?
  • I sistemi automatici hanno funzionato correttamente?
  • Il conducente è dovuto intervenire per corregge malfunzionamenti?

Memorizzazione dei dati

​Gli EDR/AD avranno un sistema di memorizzazione dei dati completamente nuovo, e sarà proprio questo sistema a garantire la possibilità di risposta ai quesiti sopra indicati. Le informazioni saranno raccolte e suddivise in 5 categorie:

  • Early pre-crash phase, da 30 secondi fino a  5 secondi prima dell'urto
  • Near pre-crash phase, da 5 secondi prima dell'urto fino all'impatto
  • Crash, dal momento del contatto fino agli 0,25 secondi successivi
  • Near post-crash, dall'impatto fino ai 5 secondi successivi
  • Far post-crash, da 5 secondi fino a 10 secondi dopo la collisione

E rispetto allo stato attuale dei sistemi, saranno aggiunte nuove tipologie di dati:

  • Dati GPS (tempo e posizioni)
  • Dati ambientali
  • Stato del sistema di guida automatica e delle infrastrutture stradali
  • Dati dei sensori del veicolo, riprese video e/o immagini
  • Dati dei sistemi di sicurezza attivi (compreso numero e tipologia di oggetti individuati)

 A questo punto sorge spontanea una domanda: "Ci sarà ancora bisogno di noi ricostruttori?" A voi i commenti!


​Testo e immagini tratte da: "Event Data Recorder (EDR) for Automated Driving", Andreas Forster, Christian Kuhrt, Bardo Peters Continental, Division Chassis & Safety Business Unit Passive Safety & Sensorics, Proceedings of 2016 EVU Conference

Ultime dal forum - 8 Marzo 2018
Primi passi per usare PC-CRASH - Modulo 3 a Scisci...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Sei già un Utente? Clicca qui per accedere
Ospite
Venerdì, 24 Maggio 2019

Cerca nel blog

Più Letti